Mentalismo & Comunicazione
Mario Bonelli
Benvenuti. Mi auguro che la navigazione sia proficua e interessante. Se così fosse inserisci l'indirizzo nei tuoi segnalibri, potrai tornare a trovarmi spesso. Il sito è composto da una parte relativa all'offerta formativa e consulenziale e da una parte, quella degli articoli, dove costantemente troverai contenuti inerenti il markting, la comunicazione, il coaching, la formazione e il mentalismo. Gli articoli che man mano vengono inseriti sono in evidenza nello slider qui sotto, mentre le novità si trovano nell'apposita area sottostante. Infine, se sei interessato a conoscere l'offerta formativa per aziende, professionisti e privati puoi facilmente scaricare la brochure PDF. Buona navigazione!
open close

FORMAZIONE, CONSULENZA E ACCOMPAGNAMENTO VERSO IL CAMBIAMENTO. SE VUOI DAVVERO MODIFICARE L'APPROCCIO AL TUO LAVORO E ALLA TUA VITA... SEI NEL POSTO GIUSTO!

Ultimi articoli dal Blog

"Io ti amo da... morire" - come evitare le "relazioni pericolose"

Il prossimo 23 novembre, a Torino presso Palazzo Lascaris di Via Alfieri 15, l'Associazione Juvenalia, con il patrocinio della Regione Piemonte, presenterà il progetto di formazione "Io ti amo da... morire" che mira a preparare per poter riconoscere preventivamente gli atteggiamenti pericolosi di un potenziale partner. Un evento contro la violenza in generale (e quella di genere in particolare) che vede impegnati molti professionisti che hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa. In particolare, Mario Bonelli ha attivamente contribuito alla costruzione del percorso formativo in relazione agli aspetti che impatta ...

Pensiero lineare e pensiero laterale. Riconoscerli e apprezzarli nel colloquio di lavoro.

Per secoli si è creduto che il pensiero lineare (o verticale come l'hanno definito alcuni autori) fosse l'unico pensiero degno di interesse in quanto generato e a sua volta generatore di sistemi logici e di comprensione di meccanismi complessi di causa/effetto. Da alcuni decenni, però, il pensiero laterale è stato rivalutato e la sua definizione approfondita rispetto alla precedente che lo etichettava con termini generici quali: creatività, ispirazione, colpo d'ingegno (e qualche volta di fortuna); tutti elementi essenziali del pensiero laterale ma non atti a definirlo in maniera scienti ...

Il talento, come riconoscerlo e gestirlo in azienda

Talento. Parola quantomai sfuggente e (qualche volta) usata a sproposito. Etimologicamente risale al greco e significava piatto della bilancia, peso, somma di denaro. Qualcosa di prezioso e di notevole (nell'Antica Grecia un talento corrispondeva a un chilogrammo di argento) e quindi anche di raro. Oggi il significato è traslato sulle qualità naturali della persona e non sulle competenze acquisite. E' qualcosa di "naturale" che distacca chi lo possiede, dalla media. I talent show l'hanno chiamato X FACTOR e in molti altri modi, a noi interessa capire se in azienda viene ricercato, come riconoscerlo e se, una volta individuato ...

La formazione come alleata dell'outplacement: un percorso

I dirigenti sottoposti a processi di outpalcement o il personale soggetto all'applicazione di misure di ammortizzazione sociale (CIG, Mobilità, Contratto di solidarietà ecc.), quale che sia il livello e il ruolo ricoperto in Azienda, subiscono un trauma personale e professionale che, a seconda della personalità del soggetto, costituisce un elemento che influisce fortemente sull’autostima, la motivazione (e l’automotivazione), la capacità di riproporsi al mercato e la percezione di sé come persona e come professionista . Fortunatamente, questi effetti negativi possono essere ridotti o addirittura azzerati da un cor ...

Storytelling e Leadership, un connubio indispensabile

Può un buon leader non essere anche un buon comunicatore? La risposta sembra scontata (in teoria) ma non lo è nella pratica. La frequentazione di CEO, Amministratori Delegati, Imprenditori di varia estrazione culturale e natura ci mostra spesso leader che non hanno la minima consapevolezza del valore della comunicazione , sia nei confronti del "cliente interno" che in quelli del "cliente esterno" dell'impresa. La leadership, all'interno, viene esercitata attraverso leve che sono ben lontane dall'utilizzo efficace del linguaggio e che, sebbene passino per qualità quali la credibilità personale e l'autorevolezza, non hanno a ...

Tu, ti assumeresti? Un breve viaggio nella consapevolezza di sé

Un'interessante analisi che ciascuno di noi può fare di tanto in tanto, e che richiede solo un po' di tempo e uno specchio (anche quello del bagno va bene), riguarda la consapevolezza di sé sul piano professionale. Si tratta di guardare la persona nello specchio mentre parla di sé, delle sue esperienze, delle sue motivazioni, di quello che fa e che vorrebbe fare in futuro. I due elementi indispensabili per la buona riuscita dell'esperimento sono: parlare a voce alta allo specchio (quindi meglio farlo quando in casa non c'è nessuno) e sforzarsi di rimuovere tutte le bugie che ci raccontiamo su noi stessi, le masc ...

La farfalla e il bozzolo: una riflessione sulla formazione e sul cambiamento

Nel prodigioso processo di trasformazione da bruco a farfalla, la natura ci offre un prezioso spunto di riflessione che può adattarsi bene a molti ambiti della vita di tutti i giorni e in quella aziendale. In particolare, stimola una riflessione sulla formazione e sull'accompagnamento nel processo del cambiamento. La crisalide, ovvero il bruco nel suo bozzolo, pronto a uscirne come farfalla deve compiere uno sforzo straordinario per rompere il suo guscio di seta e il tutto in pochi istanti. Lo sforzo "muscolare" per questa operazione rafforzerà le ali della farfalla e le consentirà di completare il pr ...

Il cambiamento e la metafora della rana nella pentola

Immaginate una pentola piena d'acqua fredda e dentro una rana che nuota tranquillamente. Si accende il fuoco sotto la pentola. L'acqua si riscalda pian piano. Presto diventa tiepida. La rana trova la situazione piacevole e continua a nuotare. La temperatura comincia a salire. L'acqua è calda, un po' più calda di quanto piaccia alla rana ma per il momento non se ne preoccupa più di tanto, soprattutto perché il calore tende a stancarla e a stordirla. L'acqua è ora davvero calda. La rana comincia a trovarlo sgradevole ma è talmente indebolita che sopporta, si sforza di adattarsi e non fa nulla. La temperatura dell'acqua con ...

Autostima: il grande inganno svelato (anche dei social network)

Parlando di autostima non possiamo prescindere dal grande inganno di cui tutti siamo vittime (più o meno consapevoli): autostimarsi prevederebbe, infatti, un'auto-valutazione oggettiva, cosa di per se in contraddizione palese. Ne consegue, quindi, che l'autostima dipende, in gran parte, dagli altri. Ovvero da come noi pensiamo che gli altri ci stimino. Per mantenere elevata quella che definiamo "autostima" non lavoriamo su di noi. Più spesso ci conformiamo alle altrui aspettative, perdendo di vista, di fatto, ciò che ci piacerebbe fare o come vorremmo essere. Recitare un ruolo conforme a ciò che gli altri si aspe ...

Riunioni efficaci in Azienda: qualche trucco per ottimizzare tempi e risultati

"Si può facilmente dedurre l'andamento di un'Azienda dal numero di riunioni che vi si svolgono: più il numero è alto, peggiore è il conto economico dell'impresa". Un detto che contiene una radice di verità. Di solito accade che le riunioni siano viste come la strada naturale del management che cerca in tutti i modi di cogliere, dal trust delle menti pensanti, l'idea vincente per risolvere problemi. In realtà le riunioni funzionano con le dinamiche del gruppo . Dinamiche che spietatamente soggiaciono a regole imposte dal nostro essere umani e gregari . Le idee non si formano o non vengono esplicit ...

Ipnosi conversazionale, comunicazione efficace e cambiamento

" In origine le parole erano magiche " scrivevano Freud e De Shazer . In seguito Paul Watzlawick , autore del testo fondamentale " Pragmatica della comunicazione umana " e poi Milton Erikson , considerato il padre dell'ipnosi conversazionale, hanno codificato e applicato alla realtà il valore strategico della comunicazione e del linguaggio come potenti strumenti del cambiamento . L' ipnosi conversazionale , in particolare, rappresenta una sintesi perfetta tra il potere del linguaggio e la sua capacità di creare " azione nel comunicare " ovvero vera e propria Comunic-Azione . In cosa consiste? Se assumiamo come valida ...

Il SENSO DELLA FORMAZIONE: UNA RIFLESSIONE FILOSOFICA E PRATICA

Per secoli (e ancora oggi in molti casi) si è inteso il processo formativo di un individuo in un senso che va da un punto “zero” a un punto più alto (non importa quale), con un movimento lineare verso il meglio e una logica di tipo cumulativo. Da poca esperienza a tanta esperienza, da poche nozioni e a molte nozioni. Che il materiale da acquisire si trovi all'interno o all'esterno della persona, o che la conoscenza sia basata sull'interazione tra “interno ed esterno” come vuole la posizione costruttivista, poco importa. La direzione è sempre da meno a più, dall'inadeguato all'adeguato, dall'ignoranza alla ...

Formazione efficace. In azienda viene un formatore o un informatore?

L'offerta formativa a disposizione delle aziende è ricca e variegata. Non occorre nemmeno cercare sul web: la casella di posta di ciascuno è bersaglio quotidiano di offerte di corsi di ogni tipo, durata, argomento, prezzo. Come orientarsi? Molti formatori (o presunti tali) sono in realtà " informatori ", ossia vengono a recitare in aula un corso precotto e preconfezionato che oggi viene fatto in un'azienda alimentare ai commerciali e domani riproposto, identico, alla prima linea di management di un'impresa che opera nell'information technology. Nella mia vita d'azienda ho partecipato a diversi corsi di formaz ...

Motivazione, padronanza di sè e intelligenza emotiva secondo Melville

Leggere Herman Melville , può portare a interessanti scoperte in tema di Motivazione Aziendale, padronanza di sè e intelligenza emotiva . Tutti ricordiamo lo scrittore americano per il suo più famoso romanzo, Moby Dick , ma un piccolo scritto molto meno famoso, curiosamente, fa da contraltare all'avventura del Capitano Achab e alla sua ossessiva (e fatale) caccia alla Balena Bianca. Si tratta di Bartleby , la storia enigmatica di uno scrivano che trascorre la propria vita nell'oscuro anonimato di un piccolo e grigio ufficio d'avvocati newyorkese. Nulla di più distante dagli scenari imponenti e maestosi dei ...

Nel mezzo della difficoltà c'è l'opportunità... e la soluzione del problema!

Suscita molto interesse tra i lettori del blog e quando mi capita di parlare di formazione, il corso " Risolvere problemi con il pensiero illusionistico e il mentalismo " . Spendo quindi due parole per dettagliare meglio l'argomento ma soprattutto la filosofia , gli obiettivi e il target dello stesso. Si parte dal ribaltamento del concetto di problema, ovvero dal modo di porsi di fronte ad esso. Se si accettano, quindi, due punti di partenza, ossia che c'è distinzione netta tra ciò che è impossibile fare e ciò che impossibile pensare e che le difficoltà non hanno un'esistenza autonoma nella realt ...

Risolvere problemi, pensando fuori dagli schemi mentali

Nella teoria della "formazione e soluzione dei problemi" sono cardinali alcuni concetti che ormai sono diventati classici. L'approccio al problem solving si basa su una visione non lineare e non convenzionale dell'accadere, del gestire e del risolvere, in contrasto con la logica tutta Cartesiana della sequenza lineare e del rapporto causa-effetto . Come posso parcheggiare una Ferrari a New York per una settimana spendendo solo 15 dollari e con la certezza di ritrovarla? Come posso rompere l'assedio del mio castello quando mi rimangono solo un sacco di grano e un maiale per sfamare i miei cittadini? Come posso aiutare tre bam ...

Dialogo strategico per fuggire dalle nostre trappole mentali

Gran parte dei problemi quotidiani di cui siamo vittime non provengono dall'esterno , ma sono costruiti da noi stessi e dalla nostra mente. E' la profondità stessa del nostro cervello e la sua capacità di immaginare e costruire la realtà intorno a noi che ci rende schiavi delle sue stesse costruzioni . Ecco che allora, per uscire dalle costruzioni (e soprattutto dalle costrizioni), che inconsciamente creiamo, ci occorre l'intervento di qualcuno che, dall'esterno, ci aiuti a ristrutturare il pensiero e a metterlo sul "binario giusto". Molte sono le tecniche utilizzabili. Sarebbe riduttivo indicarne di migliori e di pe ...

Ipnosi: potenzialità e pericoli

Ipnosi: di cosa stiamo parlando? Ognuno di noi entra più volte al giorno in uno stato di trance, ossia in uno stato alterato di coscienza (alcuni studi scientifici parlano di intervalli di tempo anche inferiori ai 90 minuti) e, pur senza rendercene conto, la nostra mente conduce il corpo a compiere gesti automatici e ripetitivi al di sotto della soglia percettiva della coscienza. Guidare, camminare, compiere gesti usuali e quotidiani sono esperienze che vengono condotte spesso al di là della nostra consapevolezza. Quando un pensiero occupa la nostra mente, infatti, non rimaniamo in stato vegetativo senza fare nulla ma continuiamo a fare cose, mu ...

Confessioni di un Mental Coach

A cosa serve un mental coach e cosa fa? Prima di tutto il mental coach vede nella persona il cambiamento prima ancora che questo avvenga e per questo la supporta , la sprona , la convince per farla muovere verso quel cambiamento . Dall'altra parte, requisito necessario è la Persona (non il Cliente, ma la Persona), che sente il bisogno di ottenere risultati diversi da quelli che ottiene , o che sta attraversando un momento, personale o lavorativo, in cui ha la necessità di impegnarsi per passare da uno stato a un altro, e per questo è disposta a un grande impegno e a mettere in campo senza riserve la propria forza di volontà. Il mental coach non ...

Problem Solving: concentrarsi sul problema o sulla soluzione?

Qual è l'atteggiamento migliore di fronte a un problema per cercare la sua soluzione? La maggior parte delle teorie in merito suggeriscono di concentrarsi sulla soluzione, in quanto il concentrarsi sul problema non farebbe che aumentarne il suo potere complicandone la soluzione. Sostanzialmente, se forziamo il problema in un frame (cosa è sbagliato) e la soluzione in un altro frame-risultato (cosa è giusto, desiderabile, voluto), il primo costringerà la nostra mente a ragionare sulle cause, il secondo sugli effetti e sulle risorse necessarie per ottenerli. La PNL , in particolare, gioca proprio sulla trasformazione ...

LA CONSULENZA

Comunicazione, Change Management, Formazione e HR

LA FORMAZIONE

Corsi e Percorsi formativi per tutti i ruoli in Azienda

I CLIENTI

Elenco e Case history dei Clienti

IL BLOG

Articoli e notizie dal mondo della formazione e del lavoro

I VIDEO

Convegni, interviste e interventi

LA NEWSLETTER

Leggi e iscriviti alla Newsletter mensile

VIDEOPROMO

CORSO CONTRO LA VIOLENZA

VIDEOINTERVISTA

Disoccupazione...

Prossimi corsi ed eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.